Napolit'amo Blog

Il ragù napoletano

E' domenica, e qui a Napoli domenica vuol dire "rraù".

Ebbene si, per tradizione il pranzo domenicale nella nostra città non è tale se sui fornelli non c'è un bel pentolone di ragù.

La preparazione del ragù napoletano è un vero e proprio rito, ogni famiglia ha la propria ricetta che tramanda di generazione in generazione.

Il segreto del ragù? Deve "pippare". Esatto. Un ragù napoletano che si rispetti deve sobollire per almeno 6 ore (ecco perchè si è soliti prepararlo la sera prima). Solo così si raggiungono quel sapore e quella consistenza perfette, tipiche del vero ragù.

E che dire del profumo che emana quel pentolone che "pippa" sui fornelli!

Se vi trovate a passeggiare per i vicoli del centro non potete non percepire l'odore della salsa provenire dalle case. Si perchè, nonostante qualcuno "osi" proporre menù domenicali alternativi, il protagonista delle tavole napoletane resta sempre lui, sua maestà il ragù.

Lo stesso Eduardo De Filippo celebrò "'o rraù" dedicandogli una celebre poesia:

'O 'rraù

'O rraù ca me piace a me
m' 'o ffaceva sulo mammà.
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
Io nun songo difficultuso;
ma luvàmmel' 'a miezo st'uso                      

Sì,va buono: cumme vuò tu.
Mò ce avéssem' appiccecà?
Tu che dice? Chest' 'è rraù?
E io m' 'o  mmagno pè m' 'o mangià...
M' ' a faja dicere na parola?...
Chesta è carne c' ' a pummarola
Il ragù

Il ragù che a me piace
me lo faceva solo mammà.
Da quando ti ho sposato,
ne parliamo tanto per parla’.
Io non sono difficile;
Ma togliamoci quest’abitudine

Si, va bene: come vuoi tu.
Ora vorremmo pure litigare?
Tu che dici? Questo è ragù?
Ed io me lo mangio tanto per mangiare...
Ma me la fai dire una parola?...
Questa è carne col pomodoro.

Confividi
/

Via Toledo 148 - Napoli - Italy